Fare oggi una previsione di un'attività economica in un contesto come quello attuale è davvero complesso perchè le variabili in gioco si sono moltiplicate. Non è più sufficiente che l'azienda sia sana, che ci sia richiesta sul mercato dei prodotti o dei servizi offerti ma occorre considerare tantissimi altri fattori che entrano in gioco nel mezzo di una crisi finanziaria di proporzioni gigantesche come quella che stiamo attraversando.

Tuttavia è possibile fare un discorso diverso, almeno in parte, per quanto riguarda il settore online, ossia degli ecommerce e di tutto quello che viene venduto (siano servizi o prodotti) attraverso il web.

Per capire determinati meccanismi, infatti, è bene partire dai dati dei consumi che da diversi mesi non fanno altro che registrare un trend negativo che non ha intenzione di invertirsi. Quasi tutti i settori ne sono colpiti tranne che il settore dell'online.

Acquistare sul web a differenza di qualche anno fa è diventato molto più semplice e sicuro e gli italiani, che ricordiamolo erano tra quelli che in Europa amavano meno effettuare gli acquisti su internet, hanno recuperato il terrono perduto.

Oggi, complice anche l'aumento incredibile di smartphone in Italia, sempre più persone dichiarano di acquistare su internet con regolarità: basti pensare che circa il 23% degli italiani possessori di un dispositivo mobile dichiarano di aver effettuato acquisti su internet almeno una volta. Se a questi aggiungiamo gli utenti non mobile si capisce che stiamo parlando di numeri importanti.

Questo spiega anche i recenti investimenti di aziende che hanno fatto dell'online e dell'ecommerce il proprio core business: parliamo di aziende come paypal, che ha appena presentato Paypal access (un nuovo sistema di riconoscimento che rende ancora più sicuri gli acquisti online), a Ebay che ha appena presentato il nuovo srvizio Deals per fare concorrenza a Groupon un vero e propri colosso che ha visto esplodere il proprio business con numeri da capogiro.

Ma quali sono i motivi principali di questo successo (inaspettato) delle vendite online?

Forse a molti potrà sembrare assurdo ma il vero successo degli ecommerce in Italia è nato con la crisi economico finanziaria che ha colpito in maniera particolarmente dura il nostro paese. La necessità di far quadrare i conti in un contesto economico sempre più difficile per le famiglie ha spinto molte persone a vincere la propria paura associata all'acquisto su internet.

Il minor budget a disposizione ha spinto un numero maggiore di persone a cercare su internet prezzi migliori di quelli che si possono trovare nel negozio sotto casa. Questo testimonia nche il successo dei Deals di cui Groupon rappresenta sicuramente l'azienda più famosa: ormai non si vendono solo viaggi e dvd ma anche materassi, visite specialistiche, analisi, abbonamenti della palestra o cene al ristorante.

Tutti acquisti impensabili anche solo fino a qualche anno fa!

Ovviamente la crisi economica ha giocato un ruolo determinante nello scatenare la domanda ma dall'altra parte ne hanno beneficiato quelle aziende che avevano fatto del commercio elettronico il proprio business di riferimento proponendo un servizio sempre più sicuro ed affidabile. Un'altro aspetto di cui spesso si tiene poca considerazione e che invece ha avuto un impatto molto positivo è anche il tempo di consegna dei prodotti.

In questo senso è stato fatto un miglioramento molto importante che da un lato ha portato a rendere sempre più veloci le consegne (ormai bastano di media pochissimi giorni per ricevere un prodotto da un'azienda italiana e poco più di una settimana per ricevere un prodotto da qualsiasi paese europeo) e dall'altro hanno consentito un forte abbassamento dei prezzi, cosa che ha contribuito anche alla diffusione delle vendite di prodotti di piccolo valore.

Una volta, infatti, era impensabile acquistare un prodotto da 15-20 euro su internet magari risparmiando il 30% se poi ce ne volevano altrettanti per la spedizione. Insomma la necessità di ottimizzare la spesa dei propri acquisti legata alla migliore offerta di prodotti e servizi ha garantito al settore numeri importanti anche nel pieno della crisi economica.

Cosa ci aspetta per il futuro?

Nel prossimo futuro è ipotizzabile un aumento significativo dell'offerta specialmente per quanto riguarda il settore dei Deals, che permette di offrire servizi e prodotti sempre più mirati sia a livello locale (già ora Groupon permette di ricevere le offerte solo ed esclusivamente del propri quartiere) che per segmento di pubblico.

Non escludo, infatti, che nel prossimo futuro non possano avere successo ecommerce che offrano il discorso dei deals rivolti solo ed esclusivamente a determinate categorie di clienti (come avviene nel caso dello sperimentale Tui Deals con il quale vengono offerti solamente pacchetti di viaggio).

Se vuoi pubblicare anche tu un guest post su eCommerceRS.NET qui trovi tutte le informazioni.