PayPal sta testando il proprio sistema di pagamento mobile in alcuni punti vendita della catena di negozi The Home Depot.

Il sistema che sta testando PayPal permetterà agli esercenti di ricevere pagamenti e ai consumatori di pagare, tutto passando per i propri account PayPal.

Al momento i beta tester sono un numero ristretto di persone, essenzialmente dipendenti della stessa PayPal.

L'azienda spera di riuscire ad introdursi nel mercato dei pagamenti mobili con un sistema decisamente innovativo che ha la propria forza di traction nella possibilità di pagare via mobile anche senza che l'esercente abbia a disposizione un dispositivo NFC.

La stessa PayPal dice che

Frequentemente effettuiamo dei test con i nostri partener retail. In questo caso PayPal e The Home Depot sono impegnati in un programma pilota limitato per testare la nuova tecnologia POS. Il programma pilota coinvolge attualmente cinque negozi e un numero ristretto di dipendenti di PayPal.

La notizia è confermata anche da Gil Luria della casa di investimento Wedbush Securities.

Come funziona il sistema di pagamento mobile di PayPal

Stando a quanto trapelato il sistema di pagamento mobile messo a punto da PayPal sfrutterebbe un sistema già conosciuto: per effettuare il pagamento il consumatore inserisce il proprio numero di telefono nel dispositivo dell'esercente, quindi riceve un pin di conferma con il quale poter concludere il pagamento.

Un sistema decisamente semplice e pratico che elimina tutti i problemi legati alla nuova tecnologia NFC, che pure sta vedendo forti riscontri positivi nell'industria.

Il sistema basato sulla coppia numero di telefono - PIN, però non ha l'inconveniente infrastrutturale: tutti i commercianti, infatti, sono potenzialmente in grado di utilizzare sin da subito il sistema, previa accettazione da parte di PayPal che ha previsto una procedura di attivazione, questa, però, purtroppo abbastanza lunga, potendo arrivare a durare anche alcune settimane.

In aggiunta a questo sistema, già di per sé molto semplice ed intuitivo, PayPal ha anche reso disponibili alcune carte di credito collegate al proprio conto PayPal, anch'esse utilizzabili per effettuare i pagamenti.

I dati di mercato sui mobile payments diffusi da PayPal

PayPal ha diffuso alcuni dati sul mobile commerce e la diffusione e la crescita dei pagamenti mobile.

Secondo i dati PayPal avrebbe ottenuto qualcosa come 4 miliardi di dollari in pagamenti mobili solo lo scorso anno, arrivando ad incidere per ben il 40% sugli introiti totali dell'azienda. Una bella crescita se si pensa che nel 2010 ammontavano ad "appena" 750 milioni e ad "appena" 141 milioni nel 2009.

David Marcus, Vicepresidente di PayPal, in un'intervista con Devindra Hardawar di Venture Beat si è sbottonato rivelando che l'azienda non si aspettava affatto questo risultato sorprendente per il 2011. Le stime dell'azienda si erano fermate a 1,5 miliardi.

Non c'è dubbio che il risultato dei 4 miliardi abbia dato una forte spinta di incoraggiamento a PayPal, dimostrando anche in via indiretta la forte diffusione che i dispositivi mobili come smartphone e tablet stanno avendo. Strumenti che certamente contribuiranno in modo vertiginoso al successo dei sistemi di mobile payment.

La preparazione alla crescita

PayPal prevede una enorme diffusione del sistema già a partire da quest'anno.

Per poterla supportare ha siglato un accordo con AJB, sistema di gestione dei pagamenti che ora incorporerà anche il nuovo sistema di mobile payment messo a punto da PayPal. Secondo le stime questo accordo permetterà a PayPal di rendere il sistema disponibile ad oltre 250mila punti vendita.

Secondo la roadmap AJB renderà disponibile il sistema già a partire dal primo trimestre di quest'anno.

La big vision

PayPal ha certamente in mente cose molto più grandi di un "semplice" sistema di pagamento POS.

Pare, infatti, che una volta rodato il POS, PayPal introdurrà ulteriori funzionalità nel sistema, come la possibilità per i clienti di conoscere in real time le disponibilità dei prodotti, ricevere offerte in-store e pubblicità geo-localizzate sempre in real-time.

Il settore dei pagamenti mobili sta vedendo ultimamente, insieme a quello del mobile commerce in generale e dell'ancora più generico commercio elettronico, una forte crescita e l'ingresso di grandi e piccoli player, ognuno con la propria tecnologia ed ognuno con la propria vision e strategia.

È di poco fa, infatti la notizia che anche Google starebbe alacremente lavorando al proprio Google Wallet, contemporaneamente a Visa con il suo V.me e ad altri player molto più piccoli come Square, che comunque possono contare sul supporto economico di grandi fondi di investimento in cerca di guadagni oltre il 10x. Solo American Express, dalla quale pure ci si sarebbe aspettati un ingresso in questo mercato, pare mantenersi più sul generico, avendo annunciato generici investimenti in startup impegnate nel commercio elettronico.