L'(X)HTML: il Mattone della Rete

Sapere cos'è l'(X)HTML ti serve per sapere se il tuo sito ecommerce è fatto bene o è fatto male (almeno sotto il profilo del codice). E ti assicuro che è molto più semplice saperlo di quanto tu creda.

Non ti spaventare leggendo quanto segue: l'articolo ti spiega in dettaglio cosa vuol dire, in mdo semplice così che tu possa trarne il massimo vantaggio.

HTML è l'acronimo per Hyper Text Mark-up Language, Linguaggio di marcatura dell'ipertesto. XHTML, invece, è l'acronimo per eXtensible Hyper Text Mark-up Language, Linguaggio estensibile di marcatura dell'ipertesto. Tutti e due sono e fanno esattamente la stessa cosa: descrivono semanticamente un contenuto scritto per il web attraverso la marcatura del testo e sono, quindi, linguaggi di marcatura e non di programmazione.

Prima di iniziare a pensare a chi ti farà l'e-commerce dovresti iniziare a capire come si realizza un ecommerce ed uno degli strumenti che va utilizzato è proprio l'(X)HTML. Un codice (X)HTML scritto male, infatti, non solo porta problemi di visualizzazione della pagina (vedi bene il sito su Internet Explorer e invece, magari, su Firefox no, o viceversa) ma ti può penalizzare anche nei risultati mostrati dai motori di ricerca.

Per questo devi essere in grado di capire se l'(X)HTML del tuo sito è scritto bene o è scritto male, così come sei in grado, approssimativamente, di capire se il costruttore al quale ti sei affidato sta facendo bene il proprio lavoro o meno.

Un po' di storia

Prima di addentrarci nella materia vediamo un po' qual è la storia dell'HTML e perchè è nato l'XHTML.

Come forse saprai la rete è nata per permettere alle istituzioni militari prima, universitarie poi, di condividere in maniera veloce e semplice informazioni. Così con l'aumentare delle stesse e il diffondersi di Internet nacque anche l'esigenza di poterle rendere più leggibili: si doveva, in sostanza, poter formattare il testo (grassetto, corsivo, ecc.), inserire immagini, creare matrici (cioè delle tabelle per illustrare dati). Fu così che verso la fine degli anni '80 Tim Burners-Lee sviluppò al CERN di Ginevra la prima versione dell'HTML.

Da allora la rete si è evoluta parecchio e le esigenze sono cambiate e con esse anche l'HTML.

Oggi esiste il W3C, World Wide Web Consortium, che si occupa di scrivere le regole che definiscono la sintassi dell'HTML. Il W3C, in poche parole, si preoccupa di dire agli sviluppatori come si scrive e come si usa l'HTML.

Prima della nascita del W3C, infatti, mancavano non solo regole comuni e condivise ma i browser erano "indulgenti" con il codice scritto male e cercavano di correggerlo autonomamente. Il risultato era che una stessa pagina si vedeva in modi diversi su browser diversi. Ti assicuro che era una bella seccatura sia per gli utenti sia per gli sviluppatori!

La situazione sta lentamente migliorando ma ci sono ancora differenze di resa tra i vari browser perchè ancora non tutti rispettano le regole e gli sviluppatori sono costretti ad usare tecniche ed escamotage vari per far si che la stessa pagina si veda allo stesso modo su tutti i browser.

Per cercare di arginare il problema, oltre alla regolamentazione del linguaggio HTML, è stato introdotto un nuovo linguaggio, l'XHTML che, basandosi sull'XML (un altro linguaggio di markup con regole molto più ferree), avrebbe dovuto impedire ai browser di correggere il codice scritto male e avrebbe dovuto costringere gli sviluppatori a scriverlo bene. L'obiettivo, però, è stato solo parzialmente raggiunto.

Attualmente è in corso un dibattito tra gli addetti ai lavori che ancora non riescono a mettersi d'accordo sul se sia meglio utilizzare la nuova versione dell'HTML, la 5, o sia più opportuno continuare ad utilizzare l'XHTML.

Ad ogni modo il W3C ha introdotto i CSS e questa è la vera innovazione.

I CSS (Cascading Style Sheets o Fogli di Stile a Cascata) servono a definire la resa grafica della pagina.

Per capire bene a cosa servono bisogna, però, prima capire perchè l'HTML e l'XHTML sono definiti linguaggi di marcatura e non di programmazione e perchè si dice che sono linguaggi semantici.

Nel prossimo post affronteremo questo aspetto.

2017-04-11T19:04:16+00:00 By |Categorie: Blog|Argomenti: , |

Un commento

  1. […] visto nei post precedenti cos'è l'(X)HTML e come […]

Scrivi un commento